Il capo del servizio Federale di migrazione della Russia Konstantin Ромодановский ha detto, scrive il giornale, che il multiculturalismo non ha funzionato, e che l'UE non era pronto per l'afflusso di profughi, così come nei paesi membri dell'UE, non è stata consolidata la posizione in materia di integrazione.

Secondo lui, i leader europei ignorano la differenza nella cultura, tradizioni religiose e costumi, e ora pagano di più per questo prezzo.

Ромодановский fatto questa dichiarazione dopo aver appreso che Bruxelles ha chiesto al presidente della stagione di pesca con la richiesta di aiuto per ridurre il crescente flusso di rifugiati che arrivano nell'unione europea con la Russia.

Inoltre, alcuni sostengono che Mosca utilizza i rifugiati come una sorta di arma contro l'Europa, bombardando le città della Siria, che aumenta il flusso di migranti verso l'Europa, che, come presumibilmente spera di Mosca, non è in grado di gestire.

Secondo Ромодановского, "il potere degli stati, che ha inondato la folla транзитников nel paese, leggi nazionali, che offrono le più interessanti sociali pacchetti per i rifugiati — alti sussidi, numerose quote di accoglienza, alloggio e così via — non erano pronti per questo afflusso di stranieri".

Ha anche portato in esempio l'esperienza della Russia, dicendo che 600 mila persone provenienti da Ucraina, попросивших asilo in Russia, sono stati costretti a integrare.
Giovedi, scrive il quotidiano, si è appreso che la Commissione Europea è giunta ad un accordo sulla necessità di urgenti colloqui con il presidente Putin sulla questione dei rifugiati.

Ma la Commissione europea insiste che non ha intenzione di offrire Russia ingenti somme di denaro, come è stato fatto con la Turchia, che la prossima settimana dovrebbe ottenere 4,7 miliardi di sterline in cambio di un aiuto nella soluzione di un problema di afflusso di rifugiati.

Il portavoce della Commissione europea ha detto che nessun accordo con la Russia sulla questione della migrazione non è previsto. UE solo sta negoziando con la Russia sulla questione della Siria e la situazione in Medio Oriente — origini del problema dei profughi, scrive il Daily Mail.

Europei migranti nervoso

Independent scrive che sempre più cittadini dell'UE che vivono nel regno Unito, propone una petizione per ottenere la cittadinanza britannica, come si temeva, che nel caso in cui gli inglesi votano per l'uscita del paese dalla composizione dell'Unione Europea, possono perdere il diritto di continuare a vivere in gran Bretagna.

Avvocati specializzati in materia di immigrazione, dicono che in caso di uscita del regno Unito dalla composizione dell'UE almeno alcuni cittadini dei paesi dell'unione Europea perderanno automaticamente il diritto di essere nel paese e dovranno ottenere un visto, come qualsiasi altro straniero, se vogliono rimanere a vivere e lavorare nel regno Unito.

Gli avvocati consigliano di queste persone di presentare una petizione per ottenere la cittadinanza britannica.

Nel regno Unito vivono più di due milioni di cittadini dei paesi dell'unione Europea. Il più grande contingente di cittadini di Polonia. Inoltre, in gran Bretagna arrivano sempre più persone dal sud Europa — Portogallo, Grecia e Spagna.

I migranti, provenienti da paesi dell'UE temono che in caso di uscita del regno Unito dalla composizione dell'unione Europea possono essere deportate o di perdere l'accesso al sistema sanitario, o devono stare in code interminabili al confine.

Per ottenere la cittadinanza britannica, gli stranieri devono rispondere correttamente almeno al 75% delle domande speciale per l'esame di storia britannica, cultura, legislazione e di un sistema di controllo. Essi devono anche essere nel paese da almeno cinque anni e superare un esame di inglese.

Le nazioni unite la sorte della Lega delle Nazioni?

Il Guardian pubblica un articolo Кейрна Rossa, ex diplomatico britannico, sotto il titolo "se le nazioni unite sulla strada della Lega delle Nazioni?".

Secondo l'autore dell'articolo, uno dei migliori posti dove è possibile vedere in prima persona il lento tramonto del dopoguerra ordine mondiale, sarebbe stato il Consiglio di Sicurezza delle nazioni unite — se ti ci è permesso di entrare. Ma questo non accade.

La vera diplomazia dell'organo avviene a porte chiuse.
Riflettere lo stato della comunità mondiale, il Consiglio di Sicurezza, che deve mantenere la pace in tutto il mondo, impegnato come non mai. Molti anni fa il Consiglio si è incontrato in un paio di ore o due volte a settimana. Ora le riunioni si svolgono ogni giorno, a volte anche di notte e nei fine settimana.

Переутомленные diplomatici discutono sempre crescente elenco di crisi — dalla Corea del Nord alla Libia.

Un lungo elenco di incontri, può essere, e dimostra quanto energicamente tutto il SAB, ma si indica anche il fallimento nel suo lavoro: anche se non дипломату ovviamente, che il mondo diventa sempre meno sicuro.
E non dimentichiamo l'семиотике.

In passato il Consiglio di Sicurezza ha preso brevi, chiari risoluzione, ma per ora il testo di queste risoluzioni diventa sempre più lungo e più difficile. Capitolo missioni delle nazioni unite e rappresentanti di molti governi dicono che spesso non si capisce cosa richiede SAB.

Motivi per cui il Consiglio di Sicurezza non è stata in grado di fermare così devastante della guerra in Siria, insieme, e non vale la colpa solo con la Russia, come fanno in molti i diplomatici occidentali.

Il problema consiste nel fatto che la principale organizzazione mondiale impegnata in questioni di guerra e di pace, non è più funzionante.

La ragione principale di questo è il fatto che il Consiglio di Sicurezza deriva dal fatto che il ruolo dominante del mondo, giocare di stato, ma questo non corrisponde alla realtà.

I conflitti, a cui partecipano organizzazioni come "Ash-Шабаб", "Boko Haram" o "stato Islamico", si verificano a causa delle condizioni locali, ma spesso riguardano intere regioni, se non del mondo intero.

Il consiglio di Sicurezza è stato creato per risolvere i conflitti tra gli stati, e finora non è stato in grado di adattarsi alle nuove condizioni. E se non prendere le misure necessarie per l'ONU può diventare altrettanto inutile l'organizzazione, come la Lega delle Nazioni nel passato.

Nazioni unite devono eleggere indipendente e solido del segretario generale. Questa organizzazione dovrebbe anche prendere in considerazione i propri tabù, scrive il Guardian, l'ex diplomatico britannico Кейрн Ross.

Diplomatici riconoscono che alcuni rapporti delle nazioni unite modificati membri permanenti del Consiglio di Sicurezza prima che essi sono offerti alla discussione del Consiglio. Ci sono anche табуированные domande, ad esempio? Cecenia o la situazione nel mar Cinese Meridionale, in quanto "tutto chiaro", che alcuni poteri non vogliono discutere di questi problemi.

Non molto tempo fa a causa di un confronto nel Kashmir, il mondo è sull'orlo di una guerra nucleare, ma anche la menzione di questo caldo un punto di fumatori.

Dal vivo il dibattito in parlamenti nazionali ha rafforzato la democrazia. L'ONU deve seguire lo stesso percorso. Il lavoro dei diplomatici essere giudicati in base alle loro dichiarazioni.

La trasparenza per quanto riguarda il processo decisionale delle nazioni unite, li renderà più comprensibile per tutti.

Ancora una riforma del Consiglio di Sicurezza può adottare immediatamente. Egli deve ascoltare la gente e i rappresentanti di tutte le parti in conflitto, scrive il Guardian, l'ex diplomatico britannico Кейрн Ross.

A questo punto si può dire con certezza che quando il Consiglio di Sicurezza discute la Siria, la Libia o la Somalia, nelle discussioni non parteciperanno né siriani, né libici, né sono somali. Come si può capire che mentre il dibattito in Consiglio di Sicurezza sono principalmente dedicati a conflitti tra fazioni, e non gli stati, prima dal Consiglio stesso può agire solo i rappresentanti degli stati. E anche questo accade di solito in casi estremi, se questi paesi fanno parte del Consiglio di amministrazione.

Per il raggiungimento di tutti questi cambiamenti, non vi è alcuna necessità di riscrivere la carta delle nazioni unite. E il mondo da nuovi punti di vista dei conflitti, richiede, per cupi corridoi delle nazioni unite si è infiltrato anche qualche luce, scrive il Guardian, l'ex diplomatico britannico Кейрн Ross.