"Non abbiamo preso la Crimea non dell'Ucraina, come se qualcuno facessero pensare così. Voglio rispondere polacco lettori così: prova a non guardare e di non dare poligoni e utili stime. Comprendere la Crimea è andato dall'Ucraina", — ha detto Zakharov, in una intervista all'agenzia di Sputnik.

Secondo lei, "molti europei non si rendono conto che non è la Russia ha preso la Crimea, è la Crimea, si alzò e se ne andò, come esce figliastro o figliastra di famiglia, dove non sono mai stati amati".

Il segretario del Consiglio di sicurezza della Russia Nikolai Patrushev ha detto che le autorità ucraine vogliono destabilizzare la situazione in Crimea, "Interfax".

"Non è un segreto che le autorità di kiev cova piani per destabilizzare la situazione in Crimea, anche con la nazionale del fattore", — ha sottolineato Patrushev al ritiro del consiglio a Yalta.

Nel frattempo il governo della gran Bretagna Philip Hammond ha detto che Londra mantiene la sua forte posizione per quanto riguarda il rispetto delle sanzioni contro la Russia, e ha esortato a "restituire la Crimea". È riferito in un comunicato stampa di ufficio.

Hammond ha sottolineato che "il cosiddetto "referendum" è stato un insulto al di sopra della democrazia", definendo "inaccettabile" la riunificazione della Crimea con la Russia.

"Siamo fortemente impegnati contro questo pericoloso comportamento e rispondiamo serio e strategico per il modo come si desidera con questo si chiama, tra cui il mantenimento del nostro sanzioni contro la Russia", — ha detto in una dichiarazione ministro britannico.

Ha di nuovo chiamato azioni della Russia "aggressione", e ha esortato la Russia di "restituire la Crimea, Ucraina".