"Dal punto di vista dell'umanità Germania ha agito correttamente, tuttavia, dal punto di vista della sicurezza, ha sofferto di un completo collasso", ha detto Ivanov.

Egli sostiene che la Macedonia ha proposto lo scambio di informazioni relative a presunte джихадистах, ma la reazione non è stata seguita né da parte della Germania, né da parte dell'unione Europea.

"Se fossimo in materia di sicurezza basati non su se stessi, e a Bruxelles, ci sarebbe già da tempo ha inondato i flussi di jihadisti", — ne è convinto il presidente macedone.

Secondo lui, le autorità di Macedonia sequestrato i rifugiati 9000 falsi passaporti. Ivanov si presuppone che questi documenti sul "the balkan route" ha voluto uscire molti gli islamici radicali.

"Macedonia, non essendo membro dell'UE, protegge l'Europa dal membro dell'unione europea, vale a dire, — dalla Grecia", — ha detto il capo di Macedonia, sottolineando che Atene erano pronti a saltare attraverso il confine e il in Europa titolari di documenti falsi. Tuttavia, nonostante questo, "l'Europa non c'è il caso prima di Macedonia", ha concluso Rossi, a giudicare dal fatto che la Grecia "ha ricevuto nuovamente 700 milioni di euro dalla UE", e Macedonia — nulla.

Macedonia dal 2005, è candidato all'ingresso nell'Ue. Paese, dove dalla Grecia vengono inviati i migranti, i seguenti "балканскому il percorso" verso l'ovest d'Europa, alla fine di febbraio del 2016 ha smesso di saltare i cittadini, in Afghanistan, e ha rafforzato il controllo dei documenti in arrivo i cittadini della Siria e dell'Iraq. Per un paio di mesi prima di Skopje ha autorizzato l'ingresso solo ai residenti di questi tre paesi.

29 febbraio centinaia di migranti hanno cercato di sfondare da Grecia a македонскую territorio attraverso la recinzione metallica sul confine e acciaio a lanciare pietre in преградивших loro la strada di polizia. In risposta, le autorità hanno sparato gas lacrimogeni. In questo momento di transizione Идомени in greco-macedoni confine sono circa 10 000 rifugiati.