La decisione di chiudere la frontiera per i migranti hanno Austria, la Slovenia e la Croazia, la Serbia e la Macedonia, non dell'unione europea.

Secondo la Merkel, e questo ha messo in Grecia è molto complessa la situazione. Lei ha dichiarato che tali decisioni da prendere tutta l'unione europea.

La decisione di chiudere il confine è stata presa sullo sfondo raggiunto tra i dirigenti dell'UE e la Turchia un accordo di superare la più grande durante gli anni del dopoguerra migratorio della crisi in Europa.

Secondo questo piano, che è stato firmato lunedì a Bruxelles, ma ancora richiede la ratifica, i migranti che arrivano in Grecia dalla Turchia, saranno inviati indietro.

In cambio di ogni restituito in Turchia сирийца UE si impegna a prendere una persona dei turchi nei campi per rifugiati.

Il presidente del consiglio Europeo Donald Tusk è già affrettato a dichiarare che questo piano significa la fine di immigrazione clandestina in Europa.

Angela Merkel è convinta che la chiusura delle frontiere non risolve il problema della migrazione
Il primo passo fatto in Austria, заявившая, che limita il numero di migranti che attraversano la frontiera.

Seguì la Slovenia ha annunciato martedì che salterà solo quelle dei migranti, che hanno intenzione di chiedere asilo nel loro paese o chiaramente hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Poco di inasprire il controllo delle frontiere ha dichiarato di Serbia e Croazia. E in un ambiente balcanica e il percorso è stato chiuso completamente, dopo di Macedonia, in precedenza notevolmente сократившая salto di migranti provenienti dalla Grecia, infine, ha chiuso il confine. In questo modo, circa 14 mila persone sono bloccati in transito campeggio Идомени in greco-macedoni di confine.

La bozza del documento, adottato a Bruxelles, si è parlato di quello che balcanica è un percorso chiuso. Tuttavia, la Germania ha insistito sulla modifica del testo.

Parlando di giovedì in diretta radio MDR, la Merkel ha riaffermato la sua posizione, dicendo che la chiusura della strada per i migranti, non risolve il problema, in generale, e non sarà in grado di diventare un efficace e a lunga mezzo per superare la crisi.

"Personalmente, credo che la decisione unilaterale dell'Austria e la seguì paesi dei balcani porterà al fatto che ci saranno meno di rifugiati. Ma è quello di mettere la Grecia in una posizione molto difficile, — ha detto il cancelliere tedesco. — Se non saremo in grado di concludere un accordo con la Turchia, la Grecia non può a lungo sopportare questo fardello. Quindi io richiederò il presente di una soluzione europea. Soluzioni per tutti i 28 paesi dell'UE".

Tuttavia Vienna insiste sul fatto che la chiusura dei balcani è definitiva. Secondo il ministro degli interni Austriaco Йоханны Микль-Leitner, solo un'azione decisiva in grado di convincere le persone a non tentare di illegale cercando rifugio in Europa.