Da parte sua il segretario di stato USA Rex Tillerson ha detto che gli stati UNITI non potrà mai sopportare "l'occupazione e il tentativo di annessione della Crimea". Ha promesso che le sanzioni contro la Russia, che resteranno in vigore fino alla risoluzione del conflitto in Ucraina. Ricordando che il presidente degli stati UNITI, Donald Trump durante la campagna elettorale si è esibito per il miglioramento delle relazioni con la Russia, Tillerson ha detto: "Non ci possono essere differenze in altri settori, ma quando un paese si intromette in un altro, è difficile da ignorare e andare verso l'altro".

Il capo della diplomazia americana ha definito il conflitto in Ucraina il principale ostacolo al miglioramento delle relazioni con Mosca. "Abbiamo fin dall'inizio hanno dato alla Russia un messaggio chiaro: la necessità di risolvere il problema dell'Ucraina, è più difficile un ostacolo sulla strada verso la normalizzazione delle relazioni".

Alla vigilia Tillerson ha espresso la speranza che il suo incontro con Lavrov a Vienna permetterà di raggiungere progressi nella soluzione del problema di assegnazione di forze di pace delle nazioni unite nel Donbass forte mandato. Tuttavia, Lavrov detto che questa idea di tentare di risolvere il conflitto nella parte orientale dell'Ucraina con la forza, che, secondo gli osservatori, praticamente non ha lasciato possibilità di un compromesso.