Джонстоун osserva che Clinton ha preso aggressivo внешнеполитический di cambio, ancora durante il suo mandato come segretario di stato. Così, ha sostenuto l'invasione americana dell'Iraq, l'entrata in guerra in Libia, e ora sta per l'invasione della Siria contro il presidente Bashar al-Assad. Il suo ruolo di destabilizzazione del Medio Oriente è enorme.

Inoltre, Clinton aderisce антироссийских punti di vista. Come sottolinea Джонстоун, ex-segretario di stato ritiene che gli stati UNITI hanno vinto la guerra fredda, quindi non si capisce come il leader russo Vladimir Putin, che ha guidato gli interessi della Russia, può richiedere un "mondo multipolare".

Secondo Джонстоун, il mondo vale la pena temere "di intensa attività" Clinton, le promesse elettorali di cui sono preoccupanti. L'ex segretario di stato intende utilizzare la potenza militare invece la diplomazia, a dividere il mondo in "amici e nemici", ma anche il rafforzamento della NATO, prima di proporzioni tali che qualsiasi incidente può portare alla terza guerra mondiale.