Martedì sera высокопоставленная collaboratore dipartimento di stato americano leggere agli studenti Lettone Università di lezione sui rapporti tra Russia e Stati Uniti. L'evento è stato chiuso per i giornalisti. Ma il portale, Delfi, ha avuto la possibilità di impostare la signora Кавалек un paio di domande.

— Come giudica l'attuale modello di relazioni USA e Russia? È "guerra fredda"? Si tratta di una crisi?

- Non direi che si tratta di una crisi. Il rapporto tra stati UNITI e Russia, ora sofisticate. Sono stati momenti difficili in passato. Sicuramente, abbiamo formato una chiara opposizione dopo l'occupazione russa della Crimea. Noi non riconosciamo l'aggressione russa in Ucraina. Ma noi diciamo che se tutte le condizioni Della licenza sono soddisfatte, allora siamo pronti a revocare le sanzioni. Abbiamo anche dimostrato la volontà di cooperazione in materia di Iran e Siria. Quindi non posso chiamare questa crisi. Questo è solo il complesso rapporto.

- Cosa fa Washington si aspetta da Mosca?

- Washington spera che la Russia è interessata a normalizzare la situazione in Ucraina. Ci auguriamo che la Russia presenterà progressi nel risolvere il problema dei secessionisti.

- E che la risposta è pronto ad offrire la casa Bianca? Come sembra un affare?

- Se tutte le condizioni Della licenza saranno soddisfatte, siamo pronti a revocare le sanzioni.

- La partecipazione della Russia in siria operazione aiuterà a uscire dall'isolamento internazionale?

- Siamo lieti di vedere l'interesse della Russia nella lotta contro uno Stato Islamico. Collaboriamo in Siria. Si tratta di un passo positivo. Ma l'isolamento della Russia è legato alla situazione in Ucraina. E la promozione di questo problema dipende dal rispetto Минских accordi.

- Nei paesi Baltici, suona un sacco di speculazioni che di minaccia, che viene per la regione da parte della Russia. Si vede?

- Non vedo specifica minaccia. Vedo la preoccupazione dei paesi baltici nel contesto della situazione con l'Ucraina. Ma questo vale non solo per i paesi Baltici, ma anche di tutta l'Europa. Vale la pena ricordare che l'occupazione della Crimea e la manifestazione di aggressione in Ucraina Orientale hanno violato le regole, che sono stati installati dopo la Seconda guerra Mondiale. Questo provoca ansia in molti paesi.

- Siete d'accordo che la presenza nei paesi Baltici, l'alta percentuale della popolazione di lingua russa è un ulteriore rischio per la sicurezza?

- Non sono d'accordo con tale affermazione. Con la posizione degli stati UNITI crediamo in una multinazionale del paese. L'unità di diverse nazionalità, rende il paese più forte. Noi crediamo che tutti i gruppi di minoranza devono avere uguali diritti.