PVA affermato gravi violazioni normative igieniche: in ambienti regnava lo sporco, superficie tavoli erano coperti da residui di prodotti a base di carne, il grasso e i contaminanti. E le materie prime e i prodotti finiti sono stati collocati direttamente sul pavimento. I locali non sono adatti per la produzione alimentare e non rispondano ai requisiti igienico organizzazione del processo produttivo.

Gli ispettori ci sono preoccupazioni che la produzione potrebbe essere pericoloso per la salute delle persone.

"Non hanno nessun controllo, nessun test non ha fatto, sterilità in scatola non c'era nulla. E ci sono dubbi che la selvaggina controllato sulla malattia, ad esempio, трихинеллез si cinghiali. Questo è molto pericoloso — le persone si ammalano, e in realtà questa malattia non può essere curata", — ha detto Ulmanis.

Parte della produzione di carne di estrazione, che i cacciatori tradizionalmente trasmettono per la produzione di conserve. "Il suo portato di riciclare, e poi riprendono la produzione, ma una parte di conserve rimane, e i suoi dipendenti vendono alle persone", — ha spiegato Alimentare-veterinaria del servizio. I trasgressori rischiano una multa massima di 700 euro.