Al rappresentante dell'unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza deve capire in tema di rifiuto si trovano in Russia ambasciate dei paesi dell'accordo di Schengen a rilasciare visti i titolari di passaporti russi, emessi sul territorio della Crimea, anche per i viaggi di famiglia tra cui in caso di morte di parenti stretti, trasmette escursioni Toom.

"Oltre il 90% di crimea hanno ottenuto la cittadinanza russa dopo gli eventi del 2014, considerando che, de facto, la penisola è sotto un controllo efficace della Russia, — si legge nella richiesta. — Queste persone non possono ricevere il visto schengen in ambasciata a Kiev di lavoro, a causa della mancanza di tutti i documenti necessari (ucraino permesso di soggiorno, ecc). La maggior parte delle persone in Crimea non hanno più attuali passaporti ucraini. Sì, e il viaggio a Kiev — è molto difficile, perché in Crimea non c'è un adeguato sistema di trasporto".

Jan Toom chiesto al capo della diplomazia europea rispondere, se è possibile, in ambasciata a Mosca o Kiev ottenere un visto schengen a rilasciato in Crimea passaporto russo, se ci sono eccezioni per motivi umanitari, e se si prevede di rivedere la politica di rilascio dei visti schengen per i residenti della Crimea.

"Si potrebbe utilizzare l'esperienza dei criteri di rifiuto, commentando la richiesta, ha proposto una possibile via d'uscita Jan Toom. — Ad esempio, in epoca sovietica, gli abitanti dei paesi Baltici ancora ricevuto occidentali visto".