L'ex capo sovietico di sicurezza in Lituania, è intervenuto come testimone in "un caso di eventi il 13 gennaio", ha sottolineato, che ha completamente convinto che tutte le azioni che la notte era coerente con Gorbachev, riferisce l'agenzia BNS.

"Io sono al 100% convinto che tutte le azioni sono state concordate con Gorbaciov. Se questa azione è stata fatta con il consenso di Gorbaciov e Крючкова, quello di fermare la possano solo loro stessi e di nessun altro", ha detto a Vilnius tribunale distrettuale di Армонас.

Secondo lui, il presidente del KGB SSR Ganci durante l'evento del 13 gennaio, a Vilnius, ha telefonato ai capi del KGB, Lituania e interessato della situazione nella repubblica.

Questo è il caso — uno dei più grandi di loro volume e il numero di imputati casi nella storia delle navi indipendente di Lituania. Sul banco degli imputati — due persone, ancora di più di 60 imputati chiamati in giudizio in contumacia. Sono accusati di crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Colpite in questo caso — quasi 500, testimoni di circa un migliaio. Il caso composto 709 volumi, un atto di accusa — di 13 volumi.

Procura della repubblica di Lituania caso "13 gennaio" ha istituito circa 20 anni fa. Nel 2010, per lavoro nei confronti di 23 indagati (di cui la maggior parte dei russi, e i due sono cittadini della Bielorussia è stato annullato il termine di prescrizione. I sospetti annunciati nella lista dei ricercati dell'unione Europea.

29 gennaio è il tribunale distrettuale di Vilnius è iniziata l'annuncio della sentenza di atto in caso di eventi il 13 gennaio del 1991, quando a Vilnius sono state introdotte le truppe, e durante l'assalto телецентра sono morte 15 persone e circa 600 feriti.

Генпрокуратура Lituania "caso del 13 gennaio" in absentia accusato di 92 anni l'ex ministro della difesa dell'URSS Dmitry Язова a creare un "gruppo organizzato di 160 militari e politici con l'obiettivo di tornare in Lituania in URSS".

La versione lituana di vigilanza competenti, Язов, con i suoi collaboratori ha incaricato di altri funzionari "di preparare un piano di spostamento di potere in Lituania, compilare un elenco di importanti oggetti da sottoporre a sequestro, per includere le autorità di governo e di gestione, gli oggetti media, della comunicazione, delle vie di comunicazione".

Secondo il documento, "11 gennaio 1991, quando l'attuazione di un piano di attività criminali con l'aiuto di azioni militari sono stati avviati l'aggressione da parte dell'Unione Sovietica e di conflitto armato, in Lituania".

Nel febbraio di quest'anno gli imputati nel caso i cittadini russi Gennady Ivanov e Yuri non Recuperabili (ex sovietiche ufficiali) e i loro avvocati hanno dichiarato in tribunale che non riconoscono la sua colpa. Coinvolti uno studente a tempo pieno nel processo di come imputati Ivanov e Bloccati passato il servizio in Lituania nel mese di gennaio del 1991.